PARLIAMO DI DIRITTI

REDDITO DI CITTADINANZA E FAMIGLIE CON PERSONE CON DISABILITA'

Tutto questo, come impatta le persone con disabilità intellettive e le loro famiglie? Ci saranno reali benefici?

Le persone con disabilità ed i loro nuclei familiari saranno fortemente penalizzate per l’accesso e per l’entità alla misura. Infatti, impropriamente nel reddito familiare di riferimento, per l’accesso al Rdc vengono conteggiati alcuni trattamenti assistenziali che sono ricollegabili alla condizione di disabilità, quali per esempio le pensioni di invalidità civile, cecità e sordità civile, visto che l’articolo 2 comma 6 del decreto prevede che vanno aggiunti tutti i trattamenti assistenziali tranne quelli per cui non occorra la c.d. “prova dei mezzi” (ossia quelli la cui erogazione non è collegata ad un reddito).  

 Per continuare a leggere clicca sul seguente link

DISABILITÀ: QUANDO IL PREGIUDIZIO DIVENTA FAKE NEWS

Fonte comunicato stampa Fish* - Dalla Gran Bretagna arriva un esempio di come il pregiudizio verso la disabilità, e forse la malafede politica, possano contribuire alla diffusione di fake news con un potenziale enorme danno per i bersagli di tali manovre.

Per continuare a leggere clicca sul seguente link

3 dicembre: International Day of Persons with Disabilities

“Il 3 dicembre non sia solo una passerella, ma l’occasione per lanciare concretamente il Programma biennale d’azione e iniziare a immaginare percorsi per renderlo operativo”: è questo l’appello che Roberto Speziale, presidente nazionale di Anffas, rivolge oggi al governo, “da cui finora non ci sono giunte notizie di iniziative in programma per la giornata”.

Per continuare a leggere clicca sul seguente link

ICRIC: scadenza 2018

In questi giorni i titolari di prestazioni economiche collegate allo stato d’invalidità civile stanno ricevendo dall’INPS una lettera che ricorda loro di presentare una dichiarazione di responsabilità relativa all’attestazione della permanenza o meno dei requisiti amministrativi previsti dalla legge per il loro riconoscimento (articolo 1, legge 23 dicembre 1996, n. 662, e legge 24 dicembre 2007, n. 247).

 

Per continuare a leggere clicca sul seguente link

Una buona cooperazione allo sviluppo fa bene a tutte le persone con disabilità

 Nel mondo le persone con disabilità sono più di un miliardo (il 15% della popolazione mondiale, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità) e l’82% di esse vivono in Paesi in Cerca di Sviluppo. Il 95% di quelle che vivono nei Paesi poveri non hanno accesso ai servizi riabilitativi e sanitari (380 milioni di persone) né ad appropriati servizi di base, mentre più dell’85% nel mondo non hanno un impiego e solo il 5% dei minori con disabilità hanno potuto accedere a un’educazione formale (l’Unicef calcola in oltre100 milioni i bambini esclusi dalle scuole).

 

Per continuare a leggere clicca sul seguente link